Awand. Rivista analogica di arti e creatività

Marchigiano, convive con la terra che trema costantemente sotto i suoi piedi. Ma ha un polmone in più che è il mantice del suo bandoneon e non smette di avere progetti nuovi per la testa. Forse la musica può sfidare le guerre e le pandemie. Forse.

 

di bonaventura andrea rotili AR MG 9789 AWAND

Daniele di Bonaventura in un ritratto di Andrea Rotili

 

Compositore e pianista, con alle spalle studi classici ma affermato bandoneonista, Daniele di Bonaventura è il musicista ideale che chiunque vorrebbe avere al suo fianco su un palcoscenico. Nato a Fermo nelle Marche, è caratterialmente tellurico come la sua tormentata terra. Ha lasciato il respiro del mantice del suo strumento in più di 90 album per svariate etichette discografiche, spaziando dalla musica classica a quella contemporanea, dalla musica etnica alla world music, dal jazz al tango. Ma, soprattutto, ha collocato il bandoneon in una dimensione anch’essa “diatonica”: interpretare tradizione e innovazione. Perché questo fascinoso strumento, che molti credono sia nato in Argentina per suonare il tango, ha una storia più antica e ben diversa. Nasce infatti come strumento per la musica sacra: per accompagnare i canti nelle processioni. Figlio dell’organo portativo - piccolo e comodo armonium a mantice - fu inventato dal tedesco Henrich Band nella prima metà dell’Ottocento. Furono gli emigrati tedeschi a portarlo in Argentina dove divenne lo strumento per suonare il tango, considerato per anni la musica dei bordelli. Poi, come è noto, fu il genio di Astor Piazzolla a restituire dignità sia al bandoneon che al tango stesso. Daniele di Bonaventura è andato oltre: lo ha reso protagonista anche nelle orchestre. In questa direzione ha anche composto e registrato un’opera come la Suite per Bandoneon e Orchestra. Lo ritroviamo in progetti disparati, accanto a uno stuolo di artisti italiani e internazionali: Miroslav Vitous, Paolo Fresu, Francesco Guccini, Sergio Cammariere, Peppe Servillo, Enrico Rava, A Filetta, Oliver Lake, Mimmo Cuticchio, David Murray, Rita Marcotulli, Dave Liebman, Toots Thielemans, Omar Sosa e tanti altri.

Ti hanno cercato in molti per progetti diversi, in contesti apparentemente lontani. Ma hanno cercato te o il tuo strumento?

In realtà, col passare del tempo, io mi sento sempre più uno che scrive musica. La cosa più importante per un musicista non è tanto eseguire musica ma scriverla, comporla. Perciò mi sento più vicino ai compositori.

 

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 4 di Awand, estate 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Silvio Teot
Author: Silvio Teot

Negli anni Settanta è impegnato su diversi progetti musicali e teatrali e anima Radio Murgia, tra le prime radio libere nate in Italia. Come percussionista fonda - insieme a Maria Moramarco e Luigi Bologese - il gruppo Uaragniaun col quale ha presentato spettacoli in Italia e nel mondo e prodotto 13 lavori discografici. Partecipa inoltre a diversi altri dischi in qualità di batterista. Studioso e collezionista di fumetti ha disegnato vignette satiriche per i giornali locali dell’Alta Murgia barese. Da giornalista-pubblicista ha diretto, dal 1986 al 2001, il periodico di cultura e informazione Piazza. Ha collaborato con quotidiani e riviste nazionali e regionali scrivendo articoli di cronaca, inchieste, e corsivi. È tuttora direttore responsabile della rivista storica Altamura, pubblicata dalla biblioteca A.B.M.C. Ha curato pubblicazioni e libri delle Edizioni Piazza e, nel 2002, pubblica il libro Trent’anni suonati, saggio romanzo sull’esperienza del laboratorio Uaragniaun e sulla musica popolare del Sud Italia. Nel 2007, insieme a Luigi Bolognese, cura il libro di Maria Moramarco Paràule. Nel 2010 pubblica il libro A furor di popolo, biografia del meridionalista Fabio Perinei. Negli ultimi anni si si dedica allo studio di numerosi altri strumenti a percussione e diversi strumenti a fiato. Col fumettista materano Pino Oliva è impegnato nella realizzazione di “Chitaridd, il brigante di matera”, un fumetto noir d’ambiente di cui cura soggetto e sceneggiatura.

 La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

newsletter icon

Ti invieremo poche email ma interessanti, promesso.

Abilita il javascript per inviare questo modulo