Awand. Interviste alla creatività

Autore di fumetti, musicista, sceneggiatore e regista di cinema, direttore di Oblomov e Linus, Igor Tuveri ripercorre formazione culturale e carriera, attraverso le amicizie e le riviste, da un orizzonte all’altro del mondo. «Nel lavoro di un autore il processo è nella maggior parte del tutto inconscio. Si svolge in una sorta di camera oscura psichica. Nel mio caso è come “essere agiti”, il fumetto è il vampiro che guida la mia vita.»

Igort

Perché è così importante disegnare per te e che cosa è cambiato, come spinta interiore, da quando hai cominciato ad adesso che sei un autore affermato a livello internazionale?

Non lo so, non so dirti esattamente perché lo faccio. So solo che lo devo fare, e con il tempo ho imparato ad assecondare questa spinta. Più o meno attorno ai cinque, sei anni ho cominciato a capire che avrei voluto disegnare e raccontare storie. Ecco, questa idea si è fatta strada in maniera naturale. Ingenuamente credevo che anche i miei amici avessero chiara l’idea di cosa avrebbero fatto “da grandi”, solo dopo mi sono reso conto che non era sempre il caso. Molti miei compagni, negli anni del liceo, per esempio, entrarono in crisi, non avevano idea di cosa fare.
Questa specie di strana consapevolezza mi ha sempre incuriosito, e ultimamente ho indagato tra alcuni colleghi, da Burns a Loustal, da Mattotti a Carpinteri e altri per scoprire che anche loro più o meno attorno alla mia stessa età sapevano quale strada avrebbero intrapreso.
Mi capita, nei rari momenti in cui sono lontano dalla carta, lontano dal disegno, provo una specie di disorientamento. Allora ho capito che “lavorare” mi centra, che mi calma, come dice Muñoz. È un modo per capire, conoscere, decodificare. Sono degli occhiali per guardare il mondo.

Questa intervista è pubblicata nel n. 2 di Awand, inverno 2021-2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Antonio Ant Cornacchia
Author: Antonio Ant Cornacchia
Grafico, art director, giornalista. Ha studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Cura mostre e rassegne culturali, ha fatto radio e fondato giornali e riviste. Awand è una sua creatura.
Molti lo chiamano Ant, che sta per formica.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

newsletter icon

Ti invieremo poche email ma interessanti, promesso.

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.