Awand. Rivista analogica di arti e creatività

Luca Giovanardi ripercorre quasi trent’anni di vita della band «Oggi i Julie’s non sono neanche più identificabili nell’indie rock di allora, veniamo rubricati un po’ nello psych, alcune volte nel prog, ma a noi piace questa cosa di essere difficili da inquadrare.»

 

julies haircut credits Elisa Magnoni 2021 1

I Julie's Haircut fotografati da Elisa Magnoni

 

Suoni spaziosi ed atmosfere ipnotiche: i Julie’s Haircut sono una band emiliana fondata a fine anni Novanta. Una spiccata personalità li rende estremamente riconoscibili, nel tempo hanno esplorato diverse sonorità, dal caloroso garage-rock del debutto fino a territori più sperimentali, raggiungendo un eclettismo che miscela rock e psichedelia, musica elettronica e minimalismo, con echi jazz, etnici, dub e drone.
Hanno collaborato con artisti del calibro di Damo Suzuki, Sonic Boom, Philip Corner, Valerio Cosi. Il loro ultimo disco, In the silence electric, è uscito poco prima dell’inizio della pandemia, a ottobre 2019 per Rocket Recordings.
Con Luca Giovanardi, tra i fondatori della band, abbiamo ripercorso la loro storia e riflettuto su come il panorama musicale si sia evoluto in questi quasi 30 anni.

Come e perché sono nati i Julie’s Haircut?

Bisogna fare un salto indietro nel tempo. Era il 1994 e abitavamo a Sassuolo, tutti gravitavamo attorno ad un piccolo circolo culturale che con altri amici appena più grandi avevamo messo in piedi ed in cui si organizzavano concerti ed attività varie.
Io e Nicola suonavamo in gruppi diversi, eravamo diventati amici grazie agli eventi a cui partecipavamo e Laura (Storchi, Ndr) era una mia amica: ha conosciuto Nicola e si sono innamorati. Da questo amore è nata una famiglia ma anche una band: i primi Julie’s con Laura che al tempo non sapeva suonare niente, Nicola che cantava e avrebbe imparato a fare due accordi alla chitarra, ed io che fui chiamato per suonare la batteria, cosa che non avevo mai fatto prima, e che passai alla chitarra non appena diventammo un quartetto. Perché siamo nati? Per divertimento e necessità di esprimerci.

 

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 4 di Awand, estate 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Valeria Lucia Passoni
Author: Valeria Lucia Passoni
Sagittario classe 1985.
Consuma dischi, divora libri ed accumula biglietti di concerti.
Poi ogni tanto lavora anche a maglia e all’uncinetto.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

newsletter icon

Ti invieremo poche email ma interessanti, promesso.

Abilita il javascript per inviare questo modulo