Awand. Rivista analogica di arti e creatività

«Non ho un metodo, non ho formule, spero sempre di ritrovarmi alla fine di un’esperienza e di esser riconoscibile in ciò che presento.» Ha cominciato a fare musica da solo usando esplosivi e lavatrici, ora compone colonne sonore e suona in giro per il mondo «Credo che una frase di violoncello possa essere più radicale di chi urla a tutto volume con la testa dentro un secchio di microfoni a volume esasperante.»

 

TEHO TEARDO ph claudia pajewski 4253

Teho Teardo in un ritratto di Claudia Pajewsky

 

Teho Teardo è noto soprattutto per le sue colonne sonore che accompagnano alcuni dei film cardine degli ultimi vent’anni di cinema italiano (Il Divo e Diaz – Don’t Clean Up This Blood su tutti). La sua creatività viene però da molto lontano. In questa intervista abbiamo tentato di esplorare i mille rivoli della sua arte.

Tra i musicisti italiani la tua è una delle storie più avvincenti, partita negli anni ’80 con la sperimentazione sui suoni da autodidatta e proseguita ovunque nel mondo, con collaborazioni di ogni tipo, viaggi tra i generi e incroci con altre forme d’arte. Cosa ti ha spinto ad iniziare a suonare? E cosa a fare musica tua?

Ho ascoltato molta musica sin da bambino, mi ha sempre intrigato la musica registrata. Fino a quando ho sentito la voglia di fare un disco anch’io, allora non saper suonare nulla mi pareva solo una formalità. Ho iniziato a provarci attorno ai 14 anni, verso i 18 sono riuscito a registrare il mio primo album utilizzando un microfono, esplosivi di varia natura, un paio di lavatrici fuori uso, un’unità eco presa a prestito, una chitarra elettrica di truciolare ed un synth monofonico. E con l’aiuto di un po’ di amici sparsi un po’ ovunque nel mondo. Nel caos in cui galleggiavo una sola cosa mi pareva subito chiara: possibili complici, collaboratori, cospiratori del rumore purtroppo non erano sempre sotto casa, bisognava guardare al mondo e così ho fatto. E non ho smesso.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 3 di Awand, primavera 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Fabio Pozzi
Author: Fabio Pozzi
Nasce nel 1984. Studi liceali e poi al Politecnico. La grande passione per la musica di quasi ogni genere (solo roba buona, sia chiaro) lo porta sotto centinaia di palchi e ad aprire un blog. Non contento, inizia a collaborare con alcuni siti (Indie-Eye, Black Milk Mag, Vorrei) fino ad arrivare qui. Del domani non v'è certezza.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo