Awand. Rivista analogica di arti e creatività

Che cosa rende universale la poesia? Cosa la fa viva oggi più che mai? Quali strade sembra prendere? Quante categorie continua a sfuggire? Ne parliamo con una giovane autrice, poeta, ricercatrice, redattrice e campionessa di poetry slam.

 

Gloria Riggio Credits Vividiversi

Gloria Riggio (Foto Vividiversi)

 

Gloria Riggio (Agrigento, 2000) è la campionessa italiana di poetry slam 2023, la più giovane e la prima autrice donna nella storia nazionale. Studente di “Studi storici e filologico-letterari”, ha pubblicato raccolte di versi e sue poesie sono state tradotte in spagnolo, tedesco, inglese, francese e greco. È parte del Trento Poetry Slam e redattrice della rivista di letteratura contemporanea Inverso – Giornale di poesia.

Cosa significa per te poesia?

Creazione. Nel senso magico e nel senso artigianale: la parola che diventa rito, formula magica, canto in coro, lotta e manifestazione, ma anche la parola come saldatura, come formulario, come restituzione del dentro al fuori e del fuori al dentro, come creta e cibo, nutrimento, biglie, scoperta, ramo per scavare la sabbia sulla battigia sino a sconosciute cavità sotterranee – una strada sotto il mare; salvezza: evasione, ancoramento – o mani per la costruzione di castelli in balìa della riva, vivi per il loro tempo giusto.
Nella mia esperienza la parola poetica riesce da sempre ad intercettare il preciso punto di intersezione tra interiorità ed esteriorità, di conoscenza di sé e dell’altro da sé, e di ciascuno dei due in reciproca funzione dell’altro. Ma anche un proprio territorio di esplorazione, mettere l’intersezione in parola, restituire, cifrare o decifrare, allontanarsi da un mondo, scoprirne un altro, connettere. Questo ha a che fare anche con il modo più naturale ed efficace di restituire in una precisa forma un preciso significato, il valore di ciò che l’uno è nell’altro e viceversa.

Qual è la tua formazione?

Ho studiato in Sicilia sino ai diciotto anni, il liceo era il Classico Empedocle ma condivide la formazione che ho ricevuto con altri luoghi, altre cose: la casa natale di Pirandello a strapiombo su Contrada Caos e il suo pino orizzontale pieno di resina, la rupe Atenea e il suo nodo di voci, le mani di mio nonno durante la raccolta delle olive, la bottega di mio padre dentro il centro storico come una finestra affacciata su un mondo, la biblioteca oltre il ponte levatoio di un tempo, con pochi libri, un rifugio di tufo. Ho frequentato l’Università dall’altra parte della penisola, a Trento: Studi storici e filologico-letterari, è qui che ho conosciuto la poesia orale e performativa nella forma del poetry slam e dei reading, di un modo di creare in seno all’arte che producesse un ascolto generativo, la sensazione di vedere vivere tra le persone ciò che la poesia riesce ad intercettare di noi, e ci riguarda tuttə.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 12 di Awand, autunno 2024.
Abbonati, acquistalo o cercalo nei punti vendita.

Sara Elena Rossetti
Sara Elena Rossetti

Sara Elena Rossetti insegna lingua e civiltà inglese a Sesto San Giovanni (MI).

Ha lavorato come traduttrice per NextMediaLab, Fondazione Mudima, DesignVillage e Creativi Digitali. Ha collaborato come attrice e drammaturga con la compagnia teatrale Favola di Mattoni e ha girato con R. Cacciola il documentario Sogni? e con A. Sartori la videopoesia Who am I?.

Si è occupata della traduzione di poesie di Christina G. Rossetti (San Marco dei Giustiniani e GalassiaArte) e di Andrea Inglese (Patrician Press). Nel 2014 ha pubblicato una raccolta di poesie (Arcobaleno Rainbow, Patrician Press) e successivamente diversi aforismi con Edizioni Pulcinoelefante. Attualmente continua la ricerca poetica con MilleGru con cui si occupa principalmente di teatropoesia e poetry therapy.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e degli autori.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the authors.