STORIA. Tra i maggiori studiosi della storia orale, ha pubblicato libri su Bob Dylan, Woody Guthrie, Bruce Springsteen. Ricercatore di canti popolari e di protesta ha collaborato con Gianni Bosio e Giovanna Marini e curato progetti discografici che hanno segnato la storia del movimento operaio. “Pensavamo di poter cambiare il mondo. Poi abbiamo cominciato a pensare che questo mondo andava bene e bastava fare qualche piccolo ritocco. Infine siamo diventati i difensori di questo mondo”

alessandro PORTELLI

Alessandro Portelli in una foto © Instituto de Investigaciones Dr. José María Luis Mora

 

Incontrare Alessandro Portelli è come incrociare un significativo pezzo della storia italiana. Già professore ordinario di letteratura angloamericana all’Università “La Sapienza”, è uno dei maggiori teorici della storia orale. Ha pubblicato innumerevoli saggi e volumi sulla musica popolare italiana e americana. Ha scritto testi per canzoni, si è occupato di teatro con Ascanio Celestini ed è un infaticabile intellettuale nonchè acuto osservatore politico. Da non musicista ha curato diverse registrazioni per i Dischi del Sole e collaborato per le etichette i Dischi dello Zodiaco, Albatros. Negli anni Settanta lo ritroviamo come giornalista sulla rivista Muzak. Con Giovanna Marini ha fondato il Circolo Gianni Bosio. Insomma potremmo continuare ad elencare la sua produzione ad libitum. La sua è un’opera che si presta ad essere definita monumentale. Perciò intervistarlo significa circoscrivere le nostre domande solo su alcuni temi che lo hanno visto quale punto di riferimento di una generazione.

Partiamo con il suo ultimo lavoro, Dal rosso al nero. La svolta a destra di una città operaia. Terni, laboratorio d’Italia (Collana Saggi, Roma, Donzelli, 2023). In questi giorni sta presentando il suo libro in varie città italiane. Su Terni, quale cartina di tornasole per analizzare la condizione operaia italiana, ha già scritto altri volumi… Ne vogliamo parlare? Non ritiene che quanto sta accadendo oggi a Terni è semplicemente quello che accade in tutto il mondo?

Terni, per il suo importante centro siderurgico, è un laboratorio d’Italia e certamente rispecchia quanto accade in molta parte del Paese. Spero non sia un fenomeno mondiale. Poi, indubbiamente, l’industrializzazione è un processo globale. L’aggressione alla sanità pubblica invece è un processo nazionale, tutto nostro. Come lo è anche l’incattivimento dei rapporti tra le persone. Ma sul piano strettamente politico un sacco di gente ha votato a destra non necessariamente per motivazioni ideologiche. Tant’è vero che a Terni, nei primi anni di svolta a destra, c’è stata tutta la campagna di revisionismo che poi è sparita. Perché non era su quello che si erano create le condizioni che avevano portato alla vittoria le destre. Il sindaco uscente era Leonardo Latini, un avvocato che aveva militato in vari partiti post fascisti per poi accasarsi con la Lega. La gente aveva votato a destra aspettandosi dei cambiamenti che, in realtà, non ci sono stati. Ma, invece di tornare indietro e scegliere chi aveva governato prima, gli elettori si sono sfogati nella follia e hanno premiato un personaggio come Stefano Bandecchi. Anche per una sorta di mitologia dell’alternanza in cui siamo cascati un po’ tutti. In questo senso, se vogliamo, Terni non è soltanto un laboratorio nazionale: Bandecchi è Javier Milei, è Donald Trump… E ci dà l’idea che il sistema democratico impazzisce.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 11 di Awand, primavera 2024.
Abbonati, acquistalo o cercalo nei punti vendita.

Silvio Teot
Silvio Teot

Negli anni Settanta è impegnato su diversi progetti musicali e teatrali e anima Radio Murgia, tra le prime radio libere nate in Italia. Come percussionista fonda - insieme a Maria Moramarco e Luigi Bolognese - il gruppo Uaragniaun col quale ha presentato spettacoli in Italia e nel mondo e prodotto 13 lavori discografici. Partecipa inoltre a diversi altri dischi in qualità di batterista. Studioso e collezionista di fumetti ha disegnato vignette satiriche per i giornali locali dell’Alta Murgia barese. Da giornalista-pubblicista ha diretto, dal 1986 al 2001, il periodico di cultura e informazione Piazza. Ha collaborato con quotidiani e riviste nazionali e regionali scrivendo articoli di cronaca, inchieste, e corsivi. È tuttora direttore responsabile della rivista storica Altamura, pubblicata dalla biblioteca A.B.M.C. Ha curato pubblicazioni e libri delle Edizioni Piazza e, nel 2002, pubblica il libro Trent’anni suonati, saggio romanzo sull’esperienza del laboratorio Uaragniaun e sulla musica popolare del Sud Italia. Nel 2007, insieme a Luigi Bolognese, cura il libro di Maria Moramarco Paràule. Nel 2010 pubblica il libro A furor di popolo, biografia del meridionalista Fabio Perinei. Negli ultimi anni si si dedica allo studio di numerosi altri strumenti a percussione e diversi strumenti a fiato. Col fumettista materano Pino Oliva è impegnato nella realizzazione di “Chitaridd, il brigante di matera”, un fumetto noir d’ambiente di cui cura soggetto e sceneggiatura.

 La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e degli autori.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the authors.