Awand. Rivista analogica di arti e creatività

«Nelle città d’arte il turismo s’è mangiato la cultura, alimentare il primo è diventato prioritario rispetto alla conoscenza della seconda, senza che la ricchezza economica generata dai flussi turistici abbia portato ad una riflessione vera sul patrimonio culturale.» «In ambito culturale scarseggia la capacità di attrarre competenze da altri settori. Non è facile trovare consulenti legali o fiscali preparati sul nostro specifico settore.»

 

Angela DArrigo

Angela D’Arrigo in un ritratto di Karen Di Paola

 

Il terzo appuntamento con le pagine delle professioni lo dedichiamo ad un ruolo sempre più importante, quello della progettazione e della ricerca di fondi per le iniziative culturali. A rispondere alle nostre domande è Angela D’Arrigo. Dal sito meetcultura.it leggiamo che «scrive e gestisce progetti per la fruizione del patrimonio culturale, lo sviluppo territoriale, il marketing dei servizi museali, l’organizzazione e gestione di eventi nazionali e internazionali» oltre a occuparsi di fundraising e gestione di attività di didattica, divulgazione, valorizzazione.

Il dottorato in archeologia ti aiuta a scavare fra i bandi in cerca di risorse?

Sembra una battuta, ma possiamo proprio dire di sì! Dagli studi accademici (dopo la laurea e il dottorato ho anche svolto un percorso biennale di ricerca post-doc) recupero nel lavoro di ogni giorno l’approccio metodologico appreso di grande attenzione nella lettura delle fonti. Vado quindi sì alla ricerca di bandi che possano essere utili per sviluppare i progetti che seguo, leggo ogni dettaglio, ogni rimando, anche i passaggi apparentemente più insignificanti, per essere certa di non sbagliare nel proporre un bando a un cliente. Durante il dottorato mi sono specializzata in iconografia numismatica, ho quindi imparato soprattutto a leggere il significato delle immagini e dei messaggi trasmessi. Mi rendo conto che con i bandi ho lo stesso approccio, cerco fra le righe i messaggi inespressi, che devono trovare riscontro nella filosofia di sviluppo del progetto che si propone.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 3 di Awand, primavera 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Antonio Ant Cornacchia
Author: Antonio Ant Cornacchia
Grafico, art director, giornalista. Ha studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Cura mostre e rassegne culturali, ha fatto radio e fondato giornali e riviste. Awand è una sua creatura.
Molti lo chiamano Ant, che sta per formica.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo