Awand. Rivista analogica di arti e creatività

Ha diretto la fotografia nei film degli esordi di Soldini e Martone e nei titoli più celebrati di Sorrentino, Amelio e Di Costanzo. Esorta i giovani autori a osare e innovare, approfittando della «fortuna di poter sperimentare con le proprie mani la facilità e la creatività che il mezzo digitale offre»

 

luca bigazzi

 

Cos’hanno in comune alcuni dei film italiani più importanti degli ultimi trent’anni? Dagli esordi di Soldini, Martone e Daniele Segre fino ai recenti, celebratissimi, di Sorrentino, Di Costanzo e tanti altri hanno Luca Bigazzi come direttore della fotografia e operatore di macchina. Un fattore comune che lui vorrebbe impercettibile perché «ogni film richiede un’immagine diversa, una luce diversa, un trattamento dell’inquadratura, del fuoco, della luce, dei contrasti, del colore, completamente diversa».
A.C.: Ti abbiamo visto in una foto di qualche tempo fa con una maglietta dei Jesus and Mary Chain. Attualmente che musica ascolti?
Sono molto legato ai supporti concreti, la musica la vorrei sentire su CD. È invece diventato quasi impossibile, non ci sono neanche quasi più i negozi di dischi. Il supporto materiale mi manca. Quando ancora compravo i CD ero ossessionato dai Notwist, dai Lali Puna, dai Caribou, da Four Tet, da Jon Hopkins, da un’elettronica a volte melodica a volte più sperimentale. Ascolto un po’ di tutto. La musica italiana non mi interessa moltissimo, a parte forse Brunori e poche altre cose. Radio Popolare di Milano è la mia radio preferita, ogni tanto mandano dei pezzi stranissimi che mi piacciono, tipo Bando di Anna o Le ragazze di Calvairate.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 3 di Awand, primavera 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Stefano Lorusso
Author: Stefano Lorusso

Medico e cinefilo, affianca da anni al camice bianco l’amore per il cinema, considerandolo la migliore delle terapie. È stato collaboratore della riviste Nocturno e  I-filmsonline. Dal  2010 è nella redazione di Paper Street , per cui segue ogni anno la Mostra del Cinema di Venezia.  È autore di saggi pubblicati sulle raccolte Il Divo di Paolo Sorrentino – La grandezza dell’enigma (2012) e Cento registi per cui vale la pena vivere (2015), editi da Falsopiano. Ha collaborato alla creazione del portale Longtake con schede sul cinema di Spielberg, Antonioni, Rosi, Wenders. Nel 2017 fonda il circolo di cultura cinematografica “Formiche Verdi”, attivo nell’organizzazione di numerose manifestazioni e rassegne. Speaker radiofonico, cineblogger, collezionista, esplora il cinema in molte direzioni, dalla ricerca musicale a quella iconografica legata alla produzione di manifesti e locandine.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo