Awand. Rivista analogica di arti e creatività

 La poesia di Maria Grazia è una poesia che tocca la storia, l’attraversa, non ha paura di essere politica se come politica si intende una poesia che dice chi siamo e dove siamo adesso.

maria grazia calandrone

 Dettaglio di un ritratto di Maria Grazia Calandrone da una foto di Barbara Ledda

 

Il suo ultimo libro è un romanzo, un’autobiografia in versi in cui Maria Grazia racconta l’infanzia e il rapporto con la madre adottiva. Sebbene non sia una raccolta di componimenti, Splendi come vita ci dice molto della poesia di Calandrone. Prima di tutto è una parola necessaria che arriva con una chiamata e chiede di essere detta: il romanzo è stato scritto in poco più di un mese e la scrittrice racconta di averlo fatto di getto perdendo di vista tutto il resto. Lo scrigno era aperto e le parole sgorgavano come un fiume in piena.

Un altro aspetto della sua poesia che ritroviamo qui è l’universalità che prende spunto da fatti concreti, eventi storici o elementi autobiografici. La poesia di Maria Grazia è una poesia che tocca la storia, l’attraversa, non ha paura di essere politica se come politica si intende una poesia che dice chi siamo e dove siamo adesso

siccome nasce/come poesia d’amore, questa poesia/è politica
(Da Contro l’esilio)

La televisione, la cronaca, gli articoli di giornale entrano nei suoi libri insieme a tutto quello che della realtà fa parte, la natura, la scienza, l’arte, la vita e la morte. Ne Gli scomparsi, così come nel recente Giardino della gioia, troviamo storie di uomini e donne come Rudy Guede, Pietro Maso, Emanuela Orlandi, raccontate talvolta in prima persona, altrove con una terza persona più distaccata che si mischia a stralci di articoli di giornali, testimonianze e registrazioni. Accanto ad un abbraccio compassionevole vi è più spesso uno sguardo nitido e preciso che taglia il dolore per vivisezionarlo, capirlo, o più semplicemente prenderne atto. Il bene sta insieme al male e spesso non siamo in grado di rintracciarne i confini. È proprio la poesia che permette di guardare la ferita e farvi uscire la luce.

Questo essere presente e contemporanea, poetessa del suo tempo e poetessa nel tempo, si manifesta anche nei molteplici interessi della scrittrice che è giornalista, regista, autrice e presentatrice di programmi radio, poetessa nelle carceri e nei laboratori delle scuole. Nei suoi scritti non manca la ricerca e la sperimentazione, l’uso di vocabolari diversi, dal linguaggio giornalistico a quello medico, tecnico, scientifico, con un misto tra prosa e poesia che negli ultimi anni si è fatto sempre più presente. La poesia di Maria Grazia è ricerca di una parola viva che viene donata e si fa strada nel mondo, una parola che al contempo fa riflettere sulla funzione stessa della poesia e ci lascia ancora una volta al centro di un grande mistero.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 3 di Awand, primavera 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Sara Elena Rossetti
Author: Sara Elena Rossetti

Sara Elena Rossetti insegna lingua e civiltà inglese a Sesto San Giovanni (MI).

Ha lavorato come traduttrice per NextMediaLab, Fondazione Mudima, DesignVillage e Creativi Digitali. Ha collaborato come attrice e drammaturga con la compagnia teatrale Favola di Mattoni e ha girato con R. Cacciola il documentario Sogni? e con A. Sartori la videopoesia Who am I?.

Si è occupata della traduzione di poesie di Christina G. Rossetti (San Marco dei Giustiniani e GalassiaArte) e di Andrea Inglese (Patrician Press). Nel 2014 ha pubblicato una raccolta di poesie (Arcobaleno Rainbow, Patrician Press) e successivamente diversi aforismi con Edizioni Pulcinoelefante. Attualmente continua la ricerca poetica con MilleGru con cui si occupa principalmente di teatropoesia e poetry therapy.

La sua pagina


Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo