Awand. Rivista analogica di arti e creatività

«Mi interessano le persone, mi interessa soprattutto l’adolescenza perché è il momento della vita in cui ci formiamo, per quello che siamo e diventeremo ed è il momento in cui succedono tutte le prime volte. Sì, mi interessano le persone, non sai mai cos’è successo a chi hai davanti. A volte vengono fuori storie incredibili ed è molto bello quando riesci a trovare empatia.»

 

chiara fossati

Un dettaglio da una foto di Chiara Fossati

 

Mi interessano le persone, mi interessa soprattutto l’adolescenza perché è il momento della vita in cui ci formiamo, per quello che siamo e diventeremo ed è il momento in cui succedono tutte le prime volte. Sì, mi interessano le persone, non sai mai cos’è successo a chi hai davanti. A volte vengono fuori storie incredibili ed è molto bello quando riesci a trovare empatia.
È quello che Chiara Fossati ci ha risposto quando le abbiamo chiesto quali fossero i temi su cui preferisce concentrare il suo lavoro di fotografa.
Nelle pagine che seguono abbiamo raccolto alcuni scatti trasversali ai suoi progetti, quasi tutti sono ritratti di ragazze e ragazzi. Trasparenti nella loro fisica sincerità, ricambiano lo sguardo di Fossati con impaccio, con sfrontatezza, mai con indifferenza. Sui loro volti si intuiscono cento domande, viene da chiedersi chi sta fotografando chi.
«Scatto poco». Usa la pellicola perché «l’analogico è il mio strumento» per la resa e per il processo, il che significa che le sue non sono immagini scelte fra cinque, dieci o venti scatti. La selezione non è successiva, avviene lì sul momento.
Il suo progetto più noto si chiama “Villaggio dei fiori” realizzato nella parte occidentale di Milano «In particolare in via dei Gigli, dove le case sembrano essere state costruite per consentire alle persone di condividere la loro vita quotidiana, conoscersi e aiutarsi». Uno sguardo distante molto più dei metri che separano i quartieri Giambellino e Primaticcio dai grattacieli vecchi e nuovi della città che sale e dal suo patinatissimo storytelling.
Studi a parte, Chiara Fossati si è formata come assistente di Alex Majoli nel collettivo Cesura, di cui dal 2020 è componente a tutti gli effetti.

 

Awand 2 Fossati

 

Questo articolo è pubblicato nel n. 2 di Awand, inverno 2021-2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Antonio Ant Cornacchia
Author: Antonio Ant Cornacchia
Grafico, art director, giornalista. Ha studiato all'Accademia delle Belle Arti.
Cura mostre e rassegne culturali, ha fatto radio e fondato giornali e riviste. Awand è una sua creatura.
Molti lo chiamano Ant, che sta per formica.

La sua pagina


Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo