Awand. Rivista analogica di arti e creatività

«Le cose personali si intrecciano con le cose collettive, è un gioco di specchi, si aiutano l’una con l’altra a non perdersi, come due farfalle che si rincorrono». La ricerca di Flavio Favelli è un caleidoscopio: moltiplica frammenti di vite, ricordi, fatti storici, abitudini e costumi. Svariati oggetti ne declinano le forme. Il vetro smerigliato che lo racchiude è quello di una finestra di una casa borghese dell’Italia di qualche decennio fa…

 

flavio favelli

Flavio Favelli in un ritratto di Giovanni De Angelis

 

Vive circondato da oggetti e in continuazione ne cerca altri. Talvolta li trova, talaltra resta a mani vuote. Cassette dell’acqua, mobili, imballaggi, neon, pezzi di luminarie impiegate nelle feste folkloristiche nel sud Italia. E ancora, scatole, stoviglie, rivestimenti edilizi, lampadari e insegne di benzinai. L’elenco potrebbe continuare: giacciono silenti e accumulati in un magazzino fuori Bologna e poi capita di vederli nello spazio di un museo, di una galleria o dentro una casa, sapientemente orchestrati e, magicamente, animati da un intreccio di storie.
Ogni volta che mi sono avvicinata al lavoro di Flavio Favelli l’ho fatto con un’attitudine letteraria, come se dovessi leggere un libro e, per conseguenza, l’ho spesso percepito come un narratore. Probabilmente è un risvolto del mio essere affamata di storie, ma credo che ci sia un fondo di verità perché quando racconta i suoi lavori essi si rivelano un pretesto per addentrarsi in gomitoli narrativi che non si dipanano mai nell’evidenza visiva ed estetica degli oggetti proposti.

Ascoltandoti ho sentito storie di oggetti, di persone, di incontri e di ricordi, molte volte private, legate alla tua famiglia, al punto tale che anche la casa è per te un luogo di ricerca privilegiato. In che modo, attraverso quali rielaborazioni e con quali forme, la tua infanzia e la tua famiglia rientrano nella tua ricerca artistica?

Potrei dire che le opere che nomino sono tutte un po’ dei pezzi di casa, di quelle case dove ho vissuto. È una specie di religione personale, dove certi oggetti sono stati investiti da comportamenti, situazioni, accadimenti che li hanno ammantati di una certa energia che inesorabilmente luccica e chiama. Non potrò mai sapere dove pende la bilancia, se la mia storia familiare sia stata veramente complessa - a volte ‘ho paura’ che sia tutto un po’ una mia costruzione - o il mio immaginario sia così ricco, ma credo, in fondo, di essere stato un predestinato: una parte di me ha voluto che dessi delle indicazioni, dei punti di vista, di ‘rifare’ certe situazioni altre volte, coi suoi ambienti, con le sue cose. Ma tutte cambiate, tutte diverse, non presento ‘quelle cose, quelle case’, ma delle interpretazioni, dei pezzi differenti, delle ricostruzioni non fedeli, solo con l’aiuto delle ombre e dei ricordi di ricordi. Metto insieme, perché i pezzi sono sparsi dappertutto. Ricordo (ricordo tante cose, fin troppe) che una volta, facevo le medie, dissi a mia madre: “ma quando avrò tempo per le mie cose?” In qualche modo sapevo già. Non ho fatto né Istituto d’Arte, né Accademia, né il DAMS, ma ‘le mie cose’, avrebbero avuto a che fare con l’arte, perché è l’arte che le individua.

 

(...)

L'articolo integrale è pubblicato nel n. 3 di Awand, primavera 2022.
Abbonati o cercala nei punti vendita.

Federica Boragina
Author: Federica Boragina

Federica Boragina (1986), dottore in ricerca in Storia dell’arte contemporanea all’Università di Torino, è attualmente impegnata come professore a contratto di Storia della Videoarte presso l’università Cattolica, dove si è laureata e specializzata, e come editor presso Electa. 

Dal 2009, con Giulia Brivio, ha fondato lo Studio Boîte, realtà dedicata all’editoria d’artista e sperimentale.

I suoi studi riguardano la scena artistica italiana del secondo dopoguerra, la cultura underground e l’editoria d’arte. 

Ha pubblicato Fabio Mauri. Che cosa è, se è, l’ideologia nell’arte (Rubbettino, 2012); Interno domestico. Mostre in appartamento 1972-2013 (con Giulia Brivio, Fortino Editions, 2013); Editoria e controcultura. La storia dell’ed.912 (Postmediabooks, 2021) e numerosi articoli relativi alle ricerche artistiche fra gli anni Sessanta e Settanta.

La sua pagina


© Riproduzione riservata. È vietata qualsiasi riproduzione su qualsiasi mezzo senza autorizzazione esplicita di Awand e dell'autore.
© All rights reserved. Any reproduction on any medium is forbidden without the explicit authorization of Awand and the author.

Restiamo in contatto?

In via del tutto eccezionale e per un tempo limitato, se ti iscrivi alla nostra newsletter riceverai il link per scaricare gratis la versione digitale del primo, introvabile numero di Awand.

Copertina 01 awand tipografia 1

Ti invieremo poche email e potrai cancellarti in qualsiasi momento.
Attenzione, riceverai prima una email che ti chiede di confermare l'iscrizione, per evitare che qualcuno abusi della tua email. Se non ricevi nulla, controlla bene anche nello spam.

Abilita il javascript per inviare questo modulo